Home > Archivio di "Libertà di espressione"
ignoranza-copertina

Ignoranza di Stato. Il difficile accesso alle informazioni

Il diritto di accesso alle informazioni è un punto di riferimento cardine per gli Stati democratici, riconosciuto a livello internazionale come un diritto umano legato alla libertà di espressione dell’individuo, a prescindere dal requisito di cittadinanza. Tale diritto è infatti sancito da diversi trattati e dichiarazioni sui diritti umani, nonché dalle sentenze di alcune corti

Esportazioni di tecnologie di sorveglianza: le ONG scrivono al MISE

Sorveglianza e aziende italiane, le esportazioni verso i regimi repressivi continuano: la nostra lettera al MISE

Un nuovo documentario mostra che continuano le esportazioni di tecnologie di sorveglianza delle aziende italiane a regimi repressivi, aggirando i controlli dello Stato. Oggi, con Privacy International e Hermes Center, abbiamo scritto nuovamente al Ministero dello Sviluppo Economico, chiedendo con urgenza la pubblicazione di informazioni dettagliate su queste esportazioni.

Geneva, HRC

Critica all’approccio hotspot, reato di tortura, stepchild adoption: CILD al Comitato Diritti Umani ONU sull’operato dell’Italia

Una forte critica all’attuale approccio su migrazione e rimpatri, la necessità di una legge sulla cittadinanza, la “stepchild adoption”, l’introduzione del reato di tortura: sono alcuni dei temi chiave che la CILD porta al Comitato Diritti Umani ONU (Human Rights Committee), riunito a Ginevra in questi giorni e che esaminerà l’operato dell’Italia circa il rispetto dei diritti...

Le tecnologie di sorveglianza di massa permettono di controllare le comunicazioni di grosse porzioni di popolazione

[AGGIORNATO] Egitto, sorveglianza con software italiani: CILD, Privacy International e Hermes scrivono al MISE

Con una lettera indirizzata al Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, oggi CILD, Privacy International (PI)e Hermes Center for Transparency and Digital Human Rights chiedono chiarimenti e azioni dopo la notizia che un’azienda italiana, Area SpA, sarebbe stata autorizzata a vendere tecnologia di sorveglianza delle comunicazioni in rete alla Technical Research Department (TRD), agenzia di intelligence egiziana dall’operato oscuro